martedì 24 febbraio 2015

Concept... un gioco di concetti! - Asterion

Dopo un po di assenza torno a raccontarvi di uno dei più bei giochi usciti nel corso del 2014. Concept è un party game innovativo. Cioè rientra nella stessa categoria di giochi come Pictionary, Visual game, Taboo.... Ma con un tocco di innovazione!


Il gioco in breve
Il gioco e' veramente innovativo: è un party game... è a squadre... ma vince il giocatore che ha più punti...
Ma come è possibile,  come fa a vincere un solo giocatore se si gioca a squadre?
Semplice i punti si fanno a squadre quando si cerca di fare indovinare una parola, si fanno da soli quando si indovina la parola!

Questa idea rivoluziona il gioco rendendolo più fresco e competitivo di altri party game.
Ogni squadra pesca una carta sulla quale c'è la parola da far indovinare. Al posto di doverla disegnare, mimare, imitare, dire parole che la possano far intuire, la squadra ha a disposizione un tabellone con disegnate tante categorie che permettono di descrivere ogni parola, oggetto, situazione.

La squadra dovrà utilizzare fino a 5 tipologie di segnalini indizio per descrivere la parola da far indovinare e tutto il tempo che vuole. Quindi se deve far indovinare la Tour Effeill potreste indicare queste categorie:
Con il segnalino verde (quello principale) indicare Edificio e Metallo.
Con il segnalino rosso indicare Luogo geografico ed i colori della bandiera francese.

Chi riuscirà ad indovinare per primo guadagnerà 2 punti ed ogni membro della squadra ne guadagnerà uno.

Meccaniche
  • Collaborazione;
  • Party Game;
  • Scelta delle categorie;
  • Capacità di astrazione.


Aspetti Educativi
Il gioco ha molteplici aspetti educativi: il primo è quello legato alla natura sia cooperativa che competitiva del gioco stesso. Ogni giocatore vince in base a come riesce a cooperare con l'altro membro della sua squadra ed in base alla propria capacità di capire gli indizi degli altri giocatori. In questo modo il gioco non ha mai flessioni e la tensione rimane alta per tutta la durata della partita.
Un secondo aspetto educativo è legato al fatto che il gioco impone di dover decomporre il proprio pensiero. Una semplice parola deve essere divisa/scomposta in categorie logiche, quasi insiemistiche, per poter essere indovinata dagli altri. Il gioco permette anche di decomporlo in a 5 diverse linee di pensiero. Questo permette di lavorare sulla scomposizione logica e sulla categorizzazione che sono abilità da sviluppare nel percorso formativo di preadolescenti ed adolescenti.
Infine il gioco permette di approfondire la conoscenza delle persone che sono sedute al tavolo a giocare. Il fatto che una persona scomponga in quelle categorie ci aiuta a capire come questo ragiona e quindi ad approfondire la sua conoscenza.


Eta consigliate
Vedo questo gioco adatto a ragazzi dai 13 anni in su. Credo che non ci sia alcun problema a giocare anche per ragazzi di 10/13 anni. Ma il suo massimo potenziale lo dovrebbe sviluppare dalle superiori in avanti.
Detto questo è anche un ottimo gioco da utilizzare nelle serate in famiglia e durante le festività!

Consigli ai Genitori
Il gioco è abbastanza semplice, il regolamento è chiaro e con un minimo di assistenza un ragazzo può imparare a giocare senza l'aiuto dei genitori. Tuttavia consiglio sempre di fare qualche partita assieme. Da un lato confrontarsi coi genitori sulle regole aiuta i ragazzi ad essere sicuri di come giocare con i propri amici. E poi se non si gioca in famiglia... cosa lo regalate a fare un gioco ai vostri figli?

Scheda del Gioco:
TitoloConcept
AutoreGaëtan Beaujannot - Alain Rivollet
Editore/Distributore   Asterion
Numero di giocatori4-12
Durata30 minuti
Età10+
Prezzo30

Link e Download

Nessun commento:

Posta un commento