giovedì 30 luglio 2015

Fantascatti! Cervelli spremuti in salsa di salamoia - Giochi Uniti

Questa settimana ci troviamo a parlare di un gioco che ha ormai qualche anno. Si tratta di Fantascatti, un simpatico e divertente party-game adatto a tutta la Famiglia, dove colpo d'occhio, destrezza e mente rapida saranno la chiave della vittoria!


Il gioco in breve

Fantascatti è un gioco molto semplice da spiegare. Ci sono 5 oggetti di legno: una poltrona rossa, un topo grigio, una bottiglia verde, un fantasma bianco ed un libro blu.
Lo scopo del gioco è quello di essere il giocatore che, alla fine della partita, ha conquistato più carte. 

Per conquistare una carta occorre riuscire a prendere per primi l'oggetto che quella carta indica. Su ogni carta sono disegnati due oggetti di due colori, non per forza i colori corretti degli oggetti di legno. Possono quindi accadere due cose:
  • La carta può mostrare i due gli oggetti del colore sbagliato... In questo caso l'oggetto da prendere è questo che che non è disegnato e il cui colore non è usato sulla carta... sembra difficile ma vedrete che con l'esempio qui sotto capirete ogni cosa.
  • La carta può anche mostrare uno degli oggetti di legno con il suo colore reale. Per conquistare questa carta dovrete prendere per primo l'oggetto indicato dalla carta.


Guardiamo questo esempio, nella prima carta a sinistra è rappresentata un fantasma grigio e la poltrona rossa. Nella seconda carta è rappresentato un topo biano ed il libro blu. Nella terza carta troviamo il topo rossos ed il fantasma bianco. Nella quarta dobbiamo escludere il topo, il bianco, il libro ed il rosso... rimane quindi solo la bottiglia verde. Nella quinta carta dobbiamo escludere il fantasma, il verde, il libro ed il rosso... rimane solo il topo grigio!
Tutti i giocatori devono provare a conquistare la carta contemporaneamente, quindi il gioco tende ad essere molto rocambolesco. Ogni giocatore prova ad arraffare l'oggetto che pensa essere quello giusto... ma state attenti! Se prendete un oggetto sbagliato dovrete restituire una carta tra quelle già conquistate che andrà messa sotto le altre!
Il gioco termina quando non ci sono più carte da usare, vince la partita chi ha conquistato più carte quando il mazzo è esaurito.


Meccaniche
  • Colpo d'occhio
  • Esclusione
  • Destrezza/Rapidità

Aspetti Educativi
Fantascatti è un gioco veramente divertente che nasconde, in una piccola scatola, un livello di logica non banale. Il gioco si basa sulle meccaniche dell'esclusione: ogni giocatore deve rapidamente identificare quale oggetto non è rappresentato dalla carta in palio e prendere l'oggetto corrispondente per primo. La mente del bambino viene focalizzata nel cercare di fare quello che non è ovvio... cioè trovare l'oggetto mancante.
Ma per rendere le cose un poco più complesse... ecco che alcune carte rappresentano esattamente un oggetto in gioco e queste carte funzionano con una logica diretta! Ed anche questo è una sfida all'attenzione ad alla logica del giocatore/bambino. Rapidamente dobbiamo cambiare tra la logica dell'esclusione e quella della scelta diretta. 
Ci troviamo quindi davanti a dover usare due flussi di pensiero opposti. E questo causa una certa confusione in ogni giocatore che sia bimbo o adulto! Quando proverete a giocarci ecco che capirete subito quando questo gioco permetta di allenare la mente e non sia solo un semplice gioco di destrezza e colpo d'occhio. 



Questa immagine è tratta dal sito del comune di torino. Durante la giornata del gioco 2014 ecco alcuni ragazzi alle prese con una partita fantascatti "live" www.spaziotorino.it
Età consigliate
Il gioco è adatto a bambini dai 6 anni in su anche se la confezione dice un 8+. L'unica difficoltà che incontreranno i bimbi di 6-7 anni e nell'apprendere le regole nelle prime partire. Ma vedrete che in breve tempo i visto figli saranno più bravi di voi!
Questo gioco è adatto anche ai ragazzi delle medie e delle superiori, agli adulti, alle famiglie... insomma è un gioco per tutte le occasioni!

Consigli ai Genitori
Questo gioco appassionerà sia i bimbi che i genitori che potranno scontrarsi in accanite sfide. Il gioco è piccolo ed è adatto ad essere portato in giro, in spiaggia, ad un picnic, ad una cena a casa di amici!
Prima di lasciare questo gioco in mano ai vostri figli vi consiglio di farci qualche partita di prova voi. Per capire bene le meccaniche del gioco, in modo che quando lo presenterete voi abbiate tutte le regole sotto controllo!


Come spiegare il gioco
  1. Per prima cosa scegliete dal mazzo 3-4 carte in cui l'oggetto non è rappresentato e altrettante in cui è rappresentato.
  2. Partite quindi spiegando com'è conquistare una carta nella quale non ci sono oggetti rappresentati nel disegno. Fate qualche esempio per vedere se tutti hanno capito.
  3. Continuate poi spiegando le carte in cui il disegno rappresenta un oggetto specifico!
  4. Infine spiegate cosa succede quando uno prende un oggetto sbagliato.
Tutti hanno capito? Bene siete pronti ad una partita a Fantascatti!



Scheda di Gioco
TitoloFantascatti
Autore
Jacques Zeimet 
Editore/Distributore   Giochi Uniti
Numero di giocatori2-8
Durata20 minuti
Età6-99
Prezzo16,50€

Link e Download

3 commenti:

  1. E' un classico dei filler :)
    E' sempre un piacere farlo provare agli amici

    RispondiElimina
  2. Ciao Matteo, bell'articolo! La componente stimolata da Fantascatti si chiama "controllo dell'inibizione" ed è una delle principali funzioni esecutive (o frontali), alla base dell'intelligenza. Senza addentrarci nel campo delle neuroscienze (ci sono studi molto belli che dimostrano l'importanza di questa funzione) è un gioco che io utilizzo moltissimo anche come esempio, nei corsi di formazione per insegnanti ed educatori, proprio per spiegare questo aspetto dell'intelligenza.
    Sarebbe basato sulle meccaniche delle esclusione se lo stimolo fosse sempre lo stesso (trova quello che non c'è): l'aspetto invece davvero educativo (eccezionale!) di questo gioco è come il giocatore debba cambiare continuamente dallo stimolo immediato (c'è la bottiglia verde e la prendo) ad uno stimolo invece "inibito".
    Buon gioco
    Liga

    RispondiElimina
  3. molto interessante! notavamo infatti che non sempre i bimbi ai quali presento il gioco riescono a giocarci con facilità! a volte fanno proprio fatica a comprendere il concetto. ed anche alcuni adulti hanno difficoltà ad approcciarsi al problema! lo hai notato anche tu?
    ps appena riesco aggiorno il post con questa info!

    RispondiElimina